Torna all'Home Page www.provincia.imperia.it
 
 D. BOVET
M. CAPECCHI
G. CARDUCCI
G. DELEDDA
R. DULBECCO
E. FERMI
D. FO
R. GIACCONI
C. GOLGI
S. E. LURIA
G. MARCONI
F. MODIGLIANI
E. T. MONETA
E. MONTALE
G. NATTA
L. PIRANDELLO
S. QUASIMODO
C. RUBBIA
E. G. SEGRE'
 
RITA LEVI MONTALCINI


Premio Nobel 1986 per la Medicina

MOTIVAZIONE: Per la scoperta dei "fattori
di crescita" del sistema nervoso.

Nata a Torino il 22 aprile 1909, Rita Levi Montalcini fin da bambina cercò di imporre la sua passione per lo studio e il suo forte senso di indipendenza contro la severità del padre e l'austerità delle tradizioni familiari.

Conseguita la maturità classica, fu spinta verso la medicina dalla dolorosa esperienza della malattia e della morte di una persona a lei molto cara.
Nel 1938, a seguito del Manifesto sulla razza, fu costretta a lasciare il suo lavoro in ospedale e a ripiegare sull'impegno nel

laboratorio allestito in casa. Nella cattiva sorte Rita Levi Montalcini ebbe la fortuna di trovare la sua vera vocazione: la ricerca pura. A questa vocazione si dedicò con passione, canalizzandovi tutta la sua vita affettiva e sentimentale, senza alcun rimpianto.

Tornata in Italia dopo l'invasione tedesca del Belgio, dove si era rifugiata, ritrovò il suo illuminato mentore, Giuseppe Levi, che l'aveva indirizzata allo studio dell sistema nervoso.

Durante la guerra si era rifugiata a Firenze, dove si nascose per poi aderire alla lotta partigiana, aiutando i compagni nella falsificazione dei documenti. Dopo la guerra tornò a Torino per lavorare all'Istituto di Anatomia del professor Levi, accanto a Salvador Luria e Renato Dulbecco, fino a quando non fu invitata dal prof. Viktor Hamburger a continuare i suoi esperimenti di neuroembriologia a Saint Louis, per un periodo di sei mesi. Vi rimase venti anni, messi a frutto nell'inseguimento e nella realizzazione del suo sogno: dimostrare che esiste un fattore specifico che determina la crescita dei neuroni. E la scoperta arrivò puntuale, alla fine degli anni cinquanta, così come la sua verifica, tra novembre e dicembre del 1952, a Rio de Janeiro, mescolando cellule nervose e cellule tumorali.
Ma la lontananza non ha impedito a Rita Levi Montalcini di sentire sempre pressante e forte il richiamo degli affetti e delle persone a lei più care e proprio questo intenso legame con la famiglia la riportò in Italia, prima saltuariamente, infine definitivamente (1961-1969).

La sua équipe di ricercatori perfezionò le tecniche per la purificazione del NGF (fattore di crescita dei neuroni) studiando le ghiandole salivari di topo e la sua identificazione in una molecola scevra di contaminanti. Il metodo, una volta rifinito in ogni dettaglio, permise, due anni dopo (1971), di rendere nota la struttura primaria del NGF e, dodici anni più tardi (1983), consentì a due gruppi di ricerca statunitensi di identificare il gene che programma la sintesi di questa molecola in molte specie animali e nell'uomo. Nel luglio del 1979 la ricercatrice torinese lasciò la direzione dell'IBC per raggiunti limiti di età, ma continua a svolgervi quotidianamente il suo lavoro. Oltre ai suoi lavori scientifici ha pubblicato: Elogio dell'imperfezione (Garzanti, Milano 1987).

Persona di estrema riservatezza, sensibilità e indipendenza, Rita Levi Montalcini non sembrò emozionarsi più di tanto neanche il giorno in cui, il 10 dicembre 1986, ricevette a Stoccolma il Nobel per la Medicina, che invece ha rappresentato il coronamento di una delle ragioni di fondo della sua esistenza, la ricerca e la scoperta di una porzione anche infinitesimale di verità in quel grande mistero che sono ancora oggi l'uomo e la sua mente. Sulla strada della ricerca di queste verità, Rita Levi Montalcini sembra essere ansiosa di riscattare l'uomo dal prevalere delle sue qualità emotive, che in tante tragiche circostanze ne hanno segnato e degradato il cammino, per restituirlo puro alle sue facoltà cognitive, le sole in grado di generare insieme "virtute e conoscenza".

Per una visione ottimale si consiglia una risoluzione di 800x600 pixel e l'uso di
Ultimo aggiornamento 12 marzo 2004